Citas

"E' veramente indignante vedere che il capitalismo, l'imperialismo, dopo l'indipendenza, ha cercato di stabilire lì il neocolonialismo; il tentativo di sviluppo capitalista, il tentativo di controllare le risorse naturali per mezzo dei monopoli".
Riferimento al testo originale: Discorso nella sede del Consiglio di Stato della Repubblica Democratica Tedesca, Berlino, 2 Aprile 1977.

“Per la prima volta, in questo isolato punto della geografia africana, il sangue cubano e angolano si mescolarono per la libertà di quella terra sofferente.Proprio in questo momento, Cuba, in accordo con il presidente Neto, decise l’invio di truppe speciali del Ministero degli Interni e d’unità regolari delle FAR in assetto da combattimento, trasferite per via aerea e marittima ad affrontare l’aggressione dell’apartheid.(…) Iniziava la cosiddetta Operazione Carlota, nome in chiave della più giusta, prolungata, massiccia e riuscita campagna militare internazionalista del nostro paese”.

Riferimento al testo originale: اDiscorso pronunciato dal Presidente della Repubblica di Cuba Fidel Castro Ruz, in occasione dell’atto commemorativo del 30º ann, 2 dicembre 2005

“L’impero non poté conseguire il suo proposito di smembrare l’Angola ed annullare la sua indipendenza. Lo impedì l’eroica e lunga lotta dei popoli d’Angola e di Cuba”.

Riferimento al testo originale: Discorso in occasione dell’atto commemorativo del 30º anniversario della Missione Militare cubana in Angola e del 49º anniversario dello sbarco del Granma, Giorno delle Forze Armate Rivoluzionarie, 2 dicembre 2005

Penso all’Africa ed al suo quasi miliardo d’abitanti, vittime dei principi di questa economia. Le malattie, che volano alla velocità degli aerei, si propagano al ritmo dell’AIDS, ed altre vecchie e nuove malattie colpiscono la sua popolazione e le sue coltivazioni, senza che nessuna delle antiche potenze coloniali sia realmente capace di inviare medici e scienziati.

Riferimento al testo originale: LULA (Terza Parte), 26 gennaio 2008
"Sono sorte nuove ed imprescindibili forze. Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, i cui vincoli con l'America Latina, la maggioranza dei paesi dei Caraibi e dell’Africa, che lottano per lo sviluppo, costituiscono la forza nella nostra epoca che è disposta a collaborare col resto dei paesi del mondo senza escludere gli Stati Uniti, Europa, Giappone".
Riferimento al testo originale: Olocausto palestinese a Gaza, 4 ago 2014