Discorsi

26/07/1953
Fra alcune ore potrete vincere o essere vinti ma, in ogni caso, ascoltatelo bene compagni! in ogni caso questo movimento vincerà.  Se vincerete domani, più presto sarà fatto quanto anelò Martí.  Se accadesse il contrario, il gesto servirà d’esempio al popolo di Cuba, per stringere la bandiera e continuare avanti.  Il popolo ci appoggerà nell’Oriente e in tutta l’Isola.  Giovani del Centenario dell’Apostolo, come nel 68 e nel 95, qui, nell’...
30/10/1955
Consideriamo l’incontro d’oggi una vittoria di Cuba, una vittoria dei cubani. E la fama delle virtù e del patriottismo del nostro popolo crescerà a New York e il prestigio di Cuba crescerà; e coloro che hanno cercato di sabotare questo incontro, il piccolo gruppo di infelici, di mercenari, che erano sicuri che ci sarebbero state delle sedie vuote –sebbene non sarebbero mai vuote perché lì ci sarebbe lo spirito dei morti, dei caduti—(Applausi);...
14/04/1958
Le forze rivoluzionarie del Movimento 26 Luglio continueranno l'offensiva che iniziarono varie settimane fa. Le nostre forze manterranno interrotte le comunicazioni nelle autostrade e nelle vie ferroviarie della provincia d’Oriente. Le milizie del Movimento 26 Luglio devono fare estensiva questa misura al resto del territorio nazionale, vietando il transito civile e causando continue perdite agli elementi militari che saranno inevitabilmente...
01/01/1959


La Rivoluzione comincia adesso; la Rivoluzione non sarà un compito facile, la Rivoluzione sarà un compito duro e pieno di pericoli, soprattutto in questa fase iniziale, e quale posto migliore per stabilire il governo della Repubblica di questa fortezza della Rivoluzione, perché questo sarà un governo solidamente sostenuto dal popolo nella città eroica e della Sierra Maestra, perch...

08/01/1959

Sono convinto che questo è un momento decisivo della nostra storia: la tirannia è stata abbattuta. La gioia è immensa. E tuttavia, rimane ancora molto da fare. Non dobbiamo sbagliarci pensando che, da adesso in poi, tutto sarà più facile; può darsi che da adesso in poi, tutto sarà più difficile.Il primo dovere di ogni rivoluzionario è quello di dire la verità. Ingannare il...

05/03/1960

Oggi ho visto —come dicevo— più gloriosa e più eroica la nostra patria, più ammirabile il nostro degno popolo, da ammirare come si ammira una colonna che ritorna dal combattimento, degno d’identificarsi e di solidarizzarsi con lui come lo fanno gli uomini di un esercito dopo il combattimento. 

12/06/1992

È necessario segnalare che le società consumistiche sono le fondamentali responsabili dell'atroce distruzione dell'ecosistema. Sono nate dalle antiche metropoli coloniali e dalle politiche imperiali che, a loro volta, hanno generato il ritardo e la povertà che oggi colpiscono l'immensa maggioranza dell'umanità.